Gestione Documentale

SHARED SERVICE CENTER

Organizzazione di servizi di outsourcing

Scegli il meglio per la tua azienda

Competenza e affidabilità vengono prima tutto

Fatturazione Elettronica

Anticipare i tempi per essere un’azienda innovativa

Conservazione a norma

Efficienza e risparmio in un solo servizio

Leggi l’articolo >>

SMAU Milano 2016, Digital Business Evolution by Menocarta.net e Teamsystem

Arrow
Arrow
Slider

Servizi & Soluzioni

 

fatturazione

Fatturazione Elettronica

Una proposta di soluzioni estremamente flessibili e full outsourcing, pensate per soddisfare a 360° le richieste di emissione e ricezione di fatture in formato elettronico sia tra privati (B2B) che verso la PA.

Scopri di più

conservazione

Conservazione Sostitutiva a Norma

AFFIDABILITÀ prima di tutto, il servizio di conservazione a norma è infatti garantito dalla figura notarile, che in qualità di Pubblico Ufficiale conferisce validità giuridica ai documenti conservati. Gli standard tecnologi della piattaforma di conservazione raggiungono elevati livelli di sicurezza, senza ricorrere ad alcuna installazione hardware.

Scopri di più
 

gestione

Gestione Documentale

Consulenza, supporto e implementazione di soluzioni finalizzate a definire e migliorare i processi di acquisizione dei documenti e di gestione delle informazioni. Per una gestione documentale affidabile ed efficiente perfettamente integrata ai gestionali e ai sistemi ERP già in uso

Scopri di più

sicurezza

Sicurezza e Servizi notarili digitali

Un’ampia gamma di servizi correlati ai principali servizi digitali proposti, dalla firma digitale e grafometrica, al rilascio di estratti notarili da conservazione sostituiva.

Scopri di più

 

Fatturazione Elettronica tra soggetti privati

 

Inizia a partire dal 1° luglio 2016 la sperimentazione dell’Agenzia delle Entrate per testare le funzionalità del “Sistema di Interscambio” nell’ambito della Fatturazione Elettronica tra soggetti privati.

Aderendo alla fatturazione elettronica B2B le imprese potranno beneficiare di alcune semplificazioni fiscali come:

Eliminazione adempimenti
- intrastat, spesometro e black-list
- Rimborso del credito iva
entro tre mesi dalla richiesta.

Menocarta.net rientrando nel programma sperimentale dell’Agenzia delle Entrate, è già in grado di supportare le aziende ed i professionisti che intendono cogliere l’opportunità della fatturazione elettronica. Non si tratterà di aderire ad un semplice adempimento, ma di dare una svolta ai processi amministrativi aziendali, migliorare il controllo di gestione e l’interoperabilità con tutti gli operatori coinvolti come il sistema bancario, le filiere e la pubblica amministrazione.

Per conoscere il servizio e ricevere informazioni scrivi a info@menocarta.net

La Fatturazione Elettronica tra Soggetti Privati è stata introdotta con il decreto legislativo n°127 dell’agosto 2015 ed entrerà in vigore in maniera facoltativa a partire dal 31 marzo 2017.

Last Tweet

Case History

Le nostre case history, aziende innovative che credono nel digitale come un'opportunità di crescita

30/04/2014

Non solo l'anticipo al 31 marzo per le Pa locali. Ma anche l'obbligo a inserire due nuovi campi, Codice informativo di gara e Codice Unico di Progetto. Ecco i vantaggi per i fornitori e la PA

L’uscita del Decreto Legge “Irpef”- da giovedì in Gazzetta Ufficiale- porta alcune modifiche sulla nascitura Fatturazione Elettronica verso la PA. Si apprende che, oltre all’anticipo sulla data di avvio a regime della Fatturazione Elettronica verso tutte le Pubbliche Amministrazioni che non partiranno il prossimo 6 giugno 2014 (per loro l’obbligo scatterà il prossimo 31 marzo 2015 anziché il 6 giugno 2015), diviene obbligatorio l'inserimento nel Tracciato FatturaPA, che rappresenta lo standard con cui gestire le Fatture Elettroniche inviate alle PA, di alcune informazioni, col fine di assicurare la tracciabilità dei pagamenti. Questi campi - di fatto già presenti nel Tracciato, ma non obbligatori - devono ora essere riportati all'interno delle Fatture emesse verso le Pubbliche Amministrazioni e sono (i) il Codice Informativo di Gara (CIG) e (ii) il Codice Unico di Progetto (CUP).

Sono naturalmente escluse da questo obbligo le fatture che già per normativa non richiedono tali codici, come per esempio quelle legate a contratti di lavoro conclusi dalle stazioni appaltanti con i propri dipendenti, a contratti aventi a oggetto l'acquisto o la locazione di terreni, fabbricati esistenti o altri beni immobili o riguardanti diritti su tali beni nonché a contratti relativi ai servizi di arbitrato e conciliazione.

Diventano obbligatori nel Tracciato FatturaPA CIG e CUP, dunque. Di che cosa si tratta?

Più in dettaglio, il CIG è un codice identificativo associato a ciascun appalto o lotto, che deve essere riportato all’interno degli strumenti di pagamento (come definito dall’art. 7 comma 3 del D.L. 187/2010) per garantire la tracciabilità dei flussi finanziari.

Il CUP, invece, è una sorta di “etichetta” che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico in tutte le sue fasi (corrisponde a una sorta di "codice fiscale" di ciascun progetto).

Questa modifica avrà impatto fin da subito e verrà applicata anche alle fatture elettroniche che verranno inviate tramite il Sistema di Interscambio già a partire dal prossimo 6 giugno 2014 - con impossibilità, per le PA, di procedere al pagamento delle Fatture Elettroniche che, dovendoli riportare, non presentano CIG e CUP. L’introduzione “last-minute” di questi due nuovi campi, nonostante quanto si possa immaginare, in realtà non ingenera potenziali criticità in quanto diverse PA che stanno avvicinandosi alla Fatturazione Elettronica, non trovando questi campi tra quelli obbligatori nel tracciato, stavano già chiedendosi con quali modalità riuscire ad ottenerli dai propri fornitori.

Questa nuova modifica, dunque, porta con sé risvolti postivi, di “buon senso applicato”, si potrebbe dire. Anche perché le informazioni su CIG e CUP risultano fondamentali proprio per i processi di verifica, riconciliazione e approvazione al pagamento delle fatture che le stesse Pubbliche Amministrazioni effettuano.

Inoltre, solo le fatture che riportano le informazioni di invio, quelle di ricezione e il Codice CIG possono essere acquisite dalla piattaforma elettronica per la gestione telematica del rilascio automatico delle certificazioni dei crediti verso le Pubbliche Amministrazioni. Un fattore non trascurabile, a potenziale vantaggio del fornitore che, con il proprio credito certificato, può accedere ad anticipi ed evitare i ritardi sui tempi di pagamento delle PA.

Una modifica “last minute”, dunque, senza impatti sulla struttura del tracciato e che risponde in modo efficace a un’esigenza peraltro già emersa tra le PA e sostanziale per “far funzionare meglio” l’intero processo di gestione della relazione tra le PA e i loro fornitori.

  • AVM Holding
    Integrazione della dinamica di fatturazione elettronica dell’intera filiera dei fornitori.
  • Silca
    La conservazione a norma a completamento di un sistema perfettamente integrato.
  • Bellco
    E se l'80% della clienti rientrano nella Pubblica Amministrazione...
  • 1
  • 2
  • 3

logo menocarta pro con sito

 

Competenza e Professionalità

La nostra esperienza si basa sulle competenze di Commercialisti e Notai, che con noi hanno condiviso la vision del rinnovamento digitale come elemento strategico di crescita.

Menocarta.pro srl è un network di Commercialisti esperti in tematiche digitali che intende valorizzare la figura del professionista qualificato al servizio di enti e imprese. Attraverso corsi di formazione qualificata, Menocarta.pro forma i Professionisti per diventare Responsabili della Conservazione, figura professionale obbligatoria e centrale nel sistema di conservazione.

 

Pubbliche Amministrazioni


da 650€
+ iva

Conservazione a norma

 

La fatturazione elettronica
per la pubblica amministrazione

Crea, invia e conserva le tue fatture
elettroniche per la Pubblica Amministrazione

Vai al sito

Hai bisogno di assistenza?

Chiama
numero verde 2

Oppure

Contattaci